Le partite delle sanseveresi

SSS Facebook

L'Allianz torna a mani vuote da Campli, un vero peccato!

Nuovo-logo-Cestistica50mini.png
Globo Infoservice Campli - Allianz Pazienza Cestistica San Severo 81-79
 
Parziali: (15-21, 21-16, 26-29, 19-13)
 
Globo Infoservice Campli: Simone Gatti 22 (2/4, 5/10), Riccardo Bottioni 19 (5/8, 1/4), David Petrucci 19 (3/3, 3/8), Bruno Duranti 6 (2/3, 0/2), Alberto Serafini 6 (3/5, 0/1), Nicolas D'arrigo 4 (1/1, 0/1), Riziero Ponziani 3 (1/3, 0/0), Matteo Norbedo 2 (1/1, 0/0), Onorio Petrazzuoli 0 (0/0, 0/3), Lucio Salafia 0 (0/0, 0/0). Coach Piero Millina.
 
Allianz Pazienza Cestistica San Severo: Matias nicholas Dimarco 18 (3/5, 3/9), Iris Ikangi 17 (3/7, 3/5), Mauro Torresi 16 (2/4, 4/9), Leonardo Ciribeni 12 (3/4, 2/5), Andrea Quarisa 10 (5/6, 0/0), Matteo Fabi 2 (1/1, 0/1), Ivan Morgillo 2 (1/1, 0/0), Alessandro Cecchetti 2 (0/1, 0/0), Jordan Losi 0 (0/0, 0/6), Vittorio Mecci 0 (0/0, 0/0). Coach Piero Coen.
 
Arbitri: Corrado Isimbaldi di Briosco (MB) e Marco Barbiero di Milano.

 

Una buona Allianz cede il passo alla Globo Campli alla fine di una battaglia giocata per molti tratti punto a punto. La squadra di Piero Coen si è trovata a gestire anche 10 punti di vantaggio nel corso del match, ma ha pesato un’ultima frazione di gioco in cui nei primi cinque minuti i neri sono riusciti a mettere a segno soltanto 2 punti.

Coach Millina manda sul parquet Bottioni, Duranti, Petrucci, Ponziani e Gatti, risponde Piero Coen con Dimarco, Torresi, Ciribeni, Ikangi e Quarisa. Campli nelle prime battute di gioco è tutta Bottioni, che realizza i primi 6 punti del match, intermezzati dai canestri di Ikangi prima e Torresi dopo, per il 6-4 del minuto 3.  La tripla di Ciribeni porta il primo vantaggio in favore dell’Allianz al minuto 4 (6-7), con Ikangi che subito dopo realizza il piazzato per il parziale di 0-7 in favore dei neri. San Severo allunga sul 7-11 con Quarisa, ma un Bottioni in gran spolvero mette la tripla del 10-11 al minuto 7 per il suo nono punto personale fino a quel momento. Un canestro di D’Arrigo e la tripla di Dimarco muovono il punteggio di una partita che si gioca punto a punto (12-14 al minuto 8). Dimarco regala il bis proprio sullo scoccare dell’ultimo minuto di prima frazione per il +3 Allianz (14-17);  Cecchetti è freddo dalla linea della carità e fa due su due,  mentre non lo è D’Arrigo che invece fa zero su due. La frazione si chiude con il canestro a fil di sirena ancora di capitan Dimarco che regala il 14-21 ai suoi.  La schiacciata di Gatti apre le danze nel secondo periodo, ma un Dimarco sontuoso la mette dentro ancora dalla linea dei 6,75 per il nuovo massimo vantaggio del minuto 12 (16-24). Campli non ci sta e D’Arrigo e Petrucci suonano la carica con due bombe filate che valgono il 22-24, prima che Duranti completi la missione pareggio sul 24-24 al minuto 14, con coach Coen costretto a chiamare il primo time out giallonero. L’Allianz è spaesata e il minuto di sospensione non contrasta il nuovo spirito dei padroni di casa che si riportano avanti con Ponziani (26-24). E’ il solito Dimarco a riprendere la via del canestro per i neri e questa volta lo fa dalla lunetta per la nuova parità. La partita continua a giocarsi punto a punto, con l’Allianz che trova con molta difficoltà la via del canestro e con i locali che rimettono il muso davanti  con Serafini a 2 minuti dal riposo lungo e con Coen che chiama nuovamente sospensione.  Dopo il time out il match vive un periodo più intenso, due triple di San Severo (Ikangi e Torresi) consentono il nuovo sorpasso sul  32-34, ma Petrucci trova la tripla ed il fallo di Losi che gli consente di realizzare un gioco da 4 in una sola azione per il 36-34. Sul finire di frazione Ikangi trova la bomba per il vantaggio ospite (36-37) con cui si va al riposo lungo. Al rientro dagli spogliatoi l’Allianz parte a razzo con Torresi che infila due triple consecutive, imitato poi da Ikangi per il 38-47 del minuto 22. Campli risponde con Gatti da tre, ma Quarisa e Ciribeni mantengono il divario sulle nove lunghezze (42-51). Ancora Gatti da tre, ma Ciribeni e Ikangi, che schiaccia, aumentano il massimo vantaggio dei neri a 10 punti (45-55) al minuto 24, costringendo Piero Millina a chiamare time out.  Il time out rivitalizza i farnesi che con Duranti e Petrucci  piazzano un parziale di 6-0 recuperando fino al 51-55. Gatti porta per mano i suoi, prima con una tripla, poi andando a schiacciare ed infine dalla lunetta  recuperando fino al 59-61. San Severo risponde con Torresi dall’arco dei 6,75 e con Morgillo da sotto, ma è ancora Gatti a punire da tre i neri per il nuovo parziale di 62-66 con cui si chiude il terzo quarto.  Ultimo periodo in cui si segna poco, come nelle previsioni di una partita così tirata; in tre minuti gli unici canestri sono di Bottioni e Torresi per il 64-68 che non cambia  nulla tra le due formazioni. Qualcosa cambia invece subito dopo quando Bottioni e Petrucci dalla lunetta (quest’ultimo fa 1 su 2) e Serafini dalla media, riportano avanti Campli al minuto 35 (69-68). Ancora la solita amnesia dei neri, soli 2 punti in 5 minuti di gioco. Si gioca sempre punto a punto, Quarisa per  San Severo, Petrucci da tre e Dimarco dalla media fissano il punteggio sul 72-72 al minuto 38. Duranti e Gatti dalla linea della carità ne mettono uno su due, mentre non sbaglia la tripla Ciribeni per il 74-75 quando inizia l’ultimo giro di lancette con Gatti che perde palla e Coen che si gioca il time out. L’Allianz sbaglia l’azione offensiva e Gatti a 20 secondi dal termine trova la tripla del  77-75, ma è lo stesso Gatti a commettere fallo su Ikangi che dalla lunetta non perdona ed impatta sul 77-77 a 15” dalla fine. I locali vogliono giocarsi l’ultimo possesso con le indicazioni di Millina che a sua volta chiama sospensione; l’azione che segue porta San Severo al fallo e Bottioni mette entrambi i tiri liberi, così l’Allianz è ancora chiamata ad una azione di attacco con il cronometro che non si è mosso. Ciribeni sbaglia la tripla e Ikangi ricorre al fallo che manda in lunetta Petrucci  che non fallisce i due liberi che sono una sentenza; a nulla serve il canestro sulla sirena di Ciribeni, finisce 81-79 per Campli.

Un vero peccato per questa sconfitta che di fatto costringe la Cestistica a giocarsi la quarta piazza con Pescara che, vincendo a Perugia, li riacciuffa in classifica, pur restando dietro per la differenza canestri. Ora restano tre appuntamenti per il finale di regoular season e non bisognerà commettere ulteriori passi falsi, soprattutto a Matera, perché i lucani hanno già vinto al Pala Falcone e Borsellino e sono a due soli punti di distacco. Domenica prossima in casa si attende la Sicoma Valdiceppo Perugia, poi si andrà a Matera e si chiuderà in casa contro Senigallia.

Riproduzione del testo consentita previa citazione dell'autore e della fonte: www.SANSEVEROSPORT.com

Commenta con Facebook